Pubblica amministrazione Enti Locali Il bisogno e il dovere di credere nel futuro

Il bisogno e il dovere di credere nel futuro

di Regina Milo*

Lavoro di squadra, rete, condivisione di buone pratiche e di informazioni, di idee ed opportunità, formazione e consapevolezza: queste alcune delle parole chiave della consulta giovanile dell’Anci e degli obiettivi sottesi al lavoro di questi anni.

Questa consulta di Anci Giovani Campania nasce nell’aprile del 2016 in seguito ad una fase congressuale aperta, inclusiva e democratica che ha rappresentato un importante risultato in termini di partecipazione. Un’organizzazione liquida e moderna che non può definirsi tale se non guarda con interesse e curiosità alle connessioni tra Stato e blocchi sociali, tra chi amministra e chi è amministrato.

Per far fronte a questa crescente esigenza sono necessari due principi: formazione e partecipazione.

Come Anci giovani Campania proviamo ad interpretare queste due esigenze ed a tradurle in risposte attraverso la combinazione di presenza sul campo: formazione continua per i giovani amministratori, iniziative territoriali, partnership, divulgazione di informazioni e forte presenza online attraverso i nostri canali Facebook, Twitter ed Instagram per raggiungere il maggior numero di Amministratori e accrescere il raggio di azione.

Mettersi in rete significa mettere le idee in circolo, ampliare le prospettive ed aumentare le opportunità, per far fronte alle immense problematiche che affronta oggi un amministratore locale, di qualsiasi ente e di qualsiasi età. Amministrare oggi vuol dire accettare una sfida coraggiosa: lo è nella misura in cui all’elenco delle cose che fai devi aggiungere quello delle norme e degli adempimenti da rispettare, delle carte che hai da compilare e, soprattutto, delle cose che non puoi fare e di quelle che ti fanno accumulare ritardi e tensioni.

Le nostre competenze, che si confondono con quelle di tutti gli enti dell’arco costituzionale e non, si intrecciano tra il tecnico ed il teorico e le nostre responsabilità pure.

Per tale motivo abbiamo bisogno di essere informati e non possiamo smettere di formarci. Per questo abbiamo bisogno di strumenti per saper pianificare e programmare, per intercettare fondi e risorse, per dare risposte concrete.

Le attività formative di questi anni, i vari training camp, il progetto Giovani Menti Mèntori, gli appuntamenti itineranti eccetera, hanno permesso ad una nuova classe dirigente di guardare ai propri comuni con una consapevolezza diversa.

Le aule di studio in cui siamo orgogliosamente tornati da grandi e con responsabilità politiche, hanno permesso ad ognuno di noi di appropriarsi del proprio ruolo di guida di comunità sempre più bisognose di azioni concrete. Tra i banchi siamo diventati pianificatori attenti, restando folli portatori di sogni ed idee di sviluppo.

Insieme, rappresentanti di piccoli e grandi comuni, di idee politiche diverse, di formazioni differenti, ma uniti dalla voglia di essere responsabilmente la generazione in prima linea.

Noi giovani più degli altri abbiamo il bisogno ed il dovere di crescere nelle esperienze e di credere nel futuro.

Noi più degli altri abbiamo bisogno di ricordare a tutti che la Politica non è improvvisazione, che Amministrare significa avere cura della vita dei propri concittadini e che scegliere significa avere la possibilità di cambiare qualcosa…che sia il senso di marcia di una strada, il colore di un palazzo, il giorno di raccolta dell’olio o perché no, l’identità di un luogo, la vocazione economica, la voglia di un nostro coetaneo di non andare via e di crescere insieme alla propria di terra.

*Coordinatrice Giovani Amministratori Anci Campania

Ultime Notizie

Il PN-Metro e Città medie Sud 2021-2027

di Rosario Salvatore La politica di coesione 2021-27 - in continuità con il 14-20 - riconosce un ruolo di preminenza...

“Great resignation”, “shortage” di professionalità STEM, “mismatch”: quale realtà dietro queste parole?

di Francesco Miggiani* Complessità, somiglianze e paradossi nel mercato del lavoro “post-pandemia” che impongono il ricorso a nuovi strumenti e...

Certificare la Sostenibilità di un territorio

di Rita Titti Summa* Prima di qualsiasi argomentazione in merito al titolo introduttivo, bisognerebbe innanzitutto interrogarsi sul concetto di Sostenibilità...

Approvato OPEN4U, il progetto di IFEL Campania in ambito VET e Open Innovation

di Salvatore Parente Il progetto “OPEN4U: intrOducing Practices in opEn innovatioN 4U” di IFEL Campania è stato approvato e ammesso...

Anticorruzione e amministrazione trasparente: la PA più visibile è realmente più terza?

di Serafina Russo Il Governo tecnico, la crisi economica e la necessità di rilanciare l'immagine dell'Italia a livello internazionale. Ora come...

Potrebbero interessarti
Raccomandati