Pubblica amministrazione Nuova Programmazione 2021-2027: IFEL Campania conferma la certificazione ISO...

Nuova Programmazione 2021-2027: IFEL Campania conferma la certificazione ISO 9001 per Assistenza Tecnica e Formazione

di Sara Ferrigno

In un’ottica di continuo miglioramento ed efficientamento delle strategie aziendali, IFEL Campania, a partire da agosto 2018, ha iniziato un percorso per l’introduzione di un Sistema di Gestione della Qualità, basato sul modello della norma ISO 9001:2015, al fine di rispondere in maniera sempre più efficace alle diverse esigenze dei propri committenti.

Su qualsiasi libro di testo leggerete che dotarsi di un Sistema di Gestione della Qualità vuol dire assumere un approccio customer-oriented. Quest’approccio però, non si misura unicamente con la soddisfazione del cliente, poiché – come diceva Henry Ford – “qualità” significa fare le cose bene quando nessuno ti sta guardando. La qualità, infatti, non è un fatto solamente tecnico, ma ha aspetti organizzativi e gestionali che coinvolgono l’intera azienda. Dotarsi di un Sistema di Gestione della Qualità, vuol dire che alla soddisfazione del cliente si arriva creando consapevolezza sui percorsi necessari alla buona riuscita di un progetto, dando a tutte le risorse una bussola che permette di orientarsi non solo sul proprio lavoro, ma anche su dove questo si colloca rispetto al complesso delle attività. Dotarsi di un Sistema di Gestione della Qualità vuol dire fornire al management aziendale dati oggettivi sui quali basare le decisioni strategiche, avere un’attenzione ai rischi potenziali e mettere in atto le strategie migliori per prevenirli e affrontarli, vuol dire puntare l’attenzione sul miglioramento continuo non solo del sistema, quanto anche delle risorse che lo animano, perfezionando così la pianificazione e la gestione delle risorse, strumentali, tecnologiche ed umane, e favorendo una sempre maggiore efficacia ed efficienza nell’erogazione dei servizi offerti.

In quest’ottica, nel corso del mese di novembre, IFEL Campania ha rinnovato per un ulteriore triennio la sua Certificazione di Qualità per i servizi di progettazione ed erogazione di servizi di consulenza, assistenza tecnica, comunicazione, formazione ed informazione per la regione, per gli enti regionali e per gli enti locali della Campania in materia di governance, rafforzamento amministrativo, economia del territorio e dei sistemi urbani, sviluppo economico ed attività produttive per i settori IAF 36, 37, 35 (Pubblica Amministrazione, Formazione e altri servizi). L’audit condotto da Rina Services ha confermato la solidità del percorso iniziato nel 2018 e la continua volontà di puntare al miglioramento ed all’efficientamento delle strategie aziendali. Un impegno della Fondazione che si attua attraverso l’operato di tutte le risorse professionali coinvolte, nel rispetto dei requisiti specificati dalla norma UNI EN ISO9001:15, delle leggi in vigore e delle politiche della Regione Campania, per fornire Supporto e Assistenza Tecnica alla Regione Campania attraverso un modello organizzativo aziendale in grado di assicurare sempre elevate e adeguate competenze tecnico-scientifiche da applicare nei vari settori di interesse e fornendo un ampio e qualificato supporto su tutti gli obiettivi tematici individuati dalla nuova politica di coesione UE.

Ultime Notizie

Partecipare e non delegare. Il valore del 2 giugno

di Annapaola Voto È sempre quella l’immagine del 2 giugno, il volto di una giovane donna sorridente che sbuca dalla...

Il dovere di difendere la Repubblica attraverso valori e principi costituzionali

di Salvatore Maria Pisacane Fu certamente strenua e memorabile la difesa che, circa ottant’anni fa, migliaia di italiani condussero, senza...

L’ordinamento giuridico della Repubblica italiana tra fonti europee e nazionali

di Annapaola Voto L’ordinamento giuridico del nostro Paese è sempre più immerso in una dimensione che travalica i confini nazionali...

Quando Sordi brindò alla vittoria della Repubblica

Il referendum del 2 giugno 1946 ha avuto un impatto così importante sulla storia e la società italiana da...

Res publica, civis e cittadinanza attiva

di Gaetano Di Palo Col passar del tempo siamo divenuti quasi automaticamente sempre più adusi ad abbinare l’idea di libertà...

Potrebbero interessarti
Raccomandati