Formazione Sicurezza sul lavoro: i corsi di formazione per i...

Sicurezza sul lavoro: i corsi di formazione per i Centri per l’Impiego della Regione. Da IFEL Campania un’esperienza di successo

di Elena Severino

Il Piano di Rafforzamento delle strutture regionali raggiunge un altro importante traguardo grazie al contributo della Fondazione

Sono partiti a gennaio 2024, i corsi “Come gestire Salute, Sicurezza ed emergenze sui luoghi di lavoro”. Il Piano Regionale di Rafforzamento dei Centri per l’Impiego della Regione Campania, attuato dalla Direzione Generale per l’Istruzione, la Formazione, il Lavoro e le Politiche Giovanili con i servizi di Assistenza Tecnica e Amministrativa di supporto della Fondazione IFEL Campania raggiunge un altro importante traguardo. Il Piano di formazione, pensato dalla Fondazione, nasce dalla sua stessa mission, nell’ambito della Convenzione con la Direzione Generale 50.11.00, di accompagnare ed assistere i Centri per l’Impiego in un percorso di aggiornamento continuo e di crescita professionale, nel più ampio processo di innovazione che li vede protagonisti nel mercato del lavoro. I beneficiari dei corsi hanno l’opportunità di mettersi alla prova e di essere coinvolti attivamente in un’esperienza concreta, intensa e qualificante di attività che permette loro di acquisire tutte le conoscenze e competenze utili sul tema della Sicurezza sul lavoro.

Secondo quanto previsto dal Decreto Legislativo 81/2008 e dall’Accordo Stato-Regioni, la Fondazione IFEL Campania preparerà i futuri “Addetti alla gestione delle emergenze dei Centri per l’Impiego” della Regione Campania, e specifiche figure che riceveranno la nomina di “Preposto”. Ecco, in sintesi, il Programma del Piano di formazione in atto: – “Addetto Primo Soccorso Gruppo B, Addetto Antincendio e BLSD (Basic Life Support-early Defibrillation)”, che rientrano nel più ampio percorso ‘Addetto Gestione Emergenze’ (AGE); tre delle quattro edizioni pianificate, si sono appena concluse. – “Rischio stress da lavoro correlato”: un altro importante traguardo, con le sue due edizioni da poco concluse. – “Il Preposto”, che si concluderà a maggio, dedicato esclusivamente ai Responsabili e ad alcuni funzionari dei Centri per l’Impiego, con lo scopo di preparare le figure che riceveranno la nomina di “Preposto” nei Centri per l’Impiego (cinque le edizioni previste).

I macro contenuti del Piano. I corsi, come da progettazione esecutiva, sono focalizzati su quanto previsto dalla norma di riferimento nonché sulle novità e sugli snodi critici; particolare attenzione è stata data al Manuale Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro della Regione Campania.
Tra i temi erogati: l’emergenza sanitaria, la conoscenza generale di traumi e patologie nell’ambiente di lavoro, le tecniche di primo soccorso, l’arresto cardiaco, l’infarto e l’arresto respiratorio, le manovre di rianimazione cardio polmonare, l’utilizzo del defibrillatore, la prevenzione degli incendi, le responsabilità del Preposto, procedure e sanzioni, codice di comunicazione e di comportamento. Sono state approfondite le norme di riferimento, i protocolli da seguire e ampio spazio è stato dedicato all’addestramento sul campo che ha scaturito vivo entusiasmo tra i partecipanti.

Il filo conduttore del percorso è far percepire, rendere concreto ed operativo il cambio di passo, le normative e gli aggiornamenti, superando la logica dell’adempimento formale e ponendo al primo posto l’obiettivo dell’apprendimento e della consapevolezza, quale criterio prioritario.

E poi, uno spazio innovativo di formazione, dalla veste laboratoriale, è rappresentato dal corso di micro-relazioni dal titolo “Rischio stress da lavoro correlato”, indirizzato a funzionari con ruolo di responsabilità e coordinamento dei Centri per l’Impiego della Regione Campania. Il percorso ha insegnato ai partecipanti come gestire lo stress da lavoro, migliorare le relazioni interpersonali e creare un ambiente di lavoro più sicuro e sano. Esperienze e riflessioni personali sono state proposte ai formatori, che ne hanno tratto spunto per sviluppare le tematiche in programma con riferimenti continui al vissuto reale di coloro che li ascoltavano. Mediante role playing, proposte induttive e stimoli audiovisivi di vario tipo, si è predisposto un setting di confronto in plenaria che ha permesso di ascoltare, analizzare, decostruire e riflettere sulla propria costruzione di significati e categorie valoriali e culturali, categorie che si rivelano cruciali nella relazione con l’altro, e che sono determinanti nel confronto/scontro che sovente precede il conflitto. Non nozioni, dunque, ma valore.
In un mondo del lavoro in continua evoluzione, la formazione rappresenta quindi una chiave fondamentale per la crescita professionale e la sicurezza sul lavoro.

Un progetto su misura e il ruolo di IFEL Campania

La Fondazione, grazie alla sua comprovata esperienza nel settore della formazione, ha svolto un ruolo chiave nella pianificazione, programmazione, organizzazione e monitoraggio delle attività previste dal Progetto. Un’analisi approfondita dei fabbisogni del Committente e dell’Ufficio del Datore di Lavoro ha permesso di individuare le aree di intervento prioritario. Un lavoro fondamentale è stato fatto nella fase preliminare; la fotografia della situazione di partenza e la visione chiara sugli obiettivi ha permesso di pianificare le milestone da raggiungere e gli strumenti da adottare.
I dipendenti formati rappresenteranno pertanto un bacino consistente e sufficiente da cui il Committente e l’Ufficio del Datore del Lavoro potranno attingere per le future nomine delle varie funzioni previste dal Decreto Legislativo 81/2008.

Riassumendo IFEL Campania ha contribuito a:

● identificare i fabbisogni formativi;
● pianificare le attività nel rispetto delle milestone e dei target;
● selezionare docenti esperti e qualificati;
● programmare le attività d’aula, interamente in presenza;
● organizzare e gestire la logistica dei corsi;
● monitorare e valutare l’impatto della formazione.

 

Metodologie innovative e coinvolgenti

Come si è declinata dunque l’esperienza formativa di grande valore? Lezioni teoriche frontali si sono alternate a coinvolgenti esercitazioni pratiche, garantendo un apprendimento completo e stimolante. Docenti esperti e qualificati, affiancati da tutor competenti, hanno accompagnato i partecipanti in un percorso di crescita personale e professionale.

Crescita professionale e apprendimento continuo

La formazione erogata si è concentrata nel favorire la crescita professionale del personale, fornendo loro le conoscenze e le competenze necessarie per svolgere il proprio lavoro con maggiore efficacia e sicurezza. L’obiettivo è stato quello di creare una cultura del continuo apprendimento, rispettando appieno e migliorando i concetti del Long Life Learning, in cui i dipendenti siano costantemente aggiornati sulle ultime novità e best practices del settore.

Un grande successo

Il monitoraggio costante della valutazione dei corsi da parte dei discenti ha rilevato fino ad ora un giudizio molto positivo sull’esperienza formativa. È stata sottolineata l’utilità dei contenuti, l’efficacia delle metodologie adottate, la professionalità e la dedizione impiegata da parte di tutto il gruppo di lavoro IFEL Campania. Al termine del piano formativo saranno state erogate 5.859 ore d’aula.

Un investimento per il futuro

“Il piano di formazione (Come gestire Salute, sicurezza ed emergenze sui luoghi di lavoro) portato avanti finora, rappresenta un altro importante traguardo raggiunto nell’ambito del più ampio Piano di rafforzamento dei Centri per l’Impiego – dice Maria Antonietta D’Urso, Direttore Generale per l’Istruzione, la Formazione, il Lavoro e le Politiche Giovanili – aver declinato la formazione non solo sul tema puramente tecnico e normato della Sicurezza sul lavoro ma anche sul tema del benessere lavorativo, della gestione del confronto e del conflitto, in un ambiente dinamico e in evoluzione, come quello dei Centri per l’Impiego, rappresenta un investimento innovativo per la Pubblica Amministrazione. La formazione sul tema della Sicurezza e del benessere lavorativo disegna l’approccio corretto per avviare più ampie e meglio strutturate Politiche della Sicurezza nella Pubblica Amministrazione. Grazie al piano di formazione in corso otterremo un ampio e ben formato bacino di dipendenti da cui attingere per le future nomine previste dal Decreto Legislativo 81/2008”.

Un esempio virtuoso di collaborazione

La proficua collaborazione tra la Regione Campania, l’Ufficio del Datore di Lavoro e la Fondazione ha reso possibile la realizzazione di un progetto ambizioso e di grande valore, che ha dimostrato come la crescita professionale, la sicurezza sul lavoro e il benessere individuale siano elementi strettamente interconnessi, e come la formazione possa essere un potente strumento per migliorare tutti questi aspetti.
Formazione, con IFEL Campania un coinvolgimento attivo e proattivo.

Ultime Notizie

Partecipare e non delegare. Il valore del 2 giugno

di Annapaola Voto È sempre quella l’immagine del 2 giugno, il volto di una giovane donna sorridente che sbuca dalla...

Il dovere di difendere la Repubblica attraverso valori e principi costituzionali

di Salvatore Maria Pisacane Fu certamente strenua e memorabile la difesa che, circa ottant’anni fa, migliaia di italiani condussero, senza...

L’ordinamento giuridico della Repubblica italiana tra fonti europee e nazionali

di Annapaola Voto L’ordinamento giuridico del nostro Paese è sempre più immerso in una dimensione che travalica i confini nazionali...

Quando Sordi brindò alla vittoria della Repubblica

Il referendum del 2 giugno 1946 ha avuto un impatto così importante sulla storia e la società italiana da...

Res publica, civis e cittadinanza attiva

di Gaetano Di Palo Col passar del tempo siamo divenuti quasi automaticamente sempre più adusi ad abbinare l’idea di libertà...

Potrebbero interessarti
Raccomandati