Saperi Ricerca Lotta alla CO₂, arriva il materiale che cattura l’anidride...

Lotta alla CO₂, arriva il materiale che cattura l’anidride carbonica

di Salvatore Parente

Uno dei tanti problemi che stanno condizionando l’agenda politica delle nazioni più influenti del pianeta è di certo l’inquinamento ambientale, il riscaldamento globale e la massiva presenza di anidride carbonica nell’atmosfera. Protocolli, obiettivi condivisi, green new deal, tecnologie verdi, tasse sui combustibili fossili e incentivi sulle rinnovabili. Tante, infatti, sono le lodevoli iniziative per cercare di ridurre le emissioni ed alleggerire il carico di ga serra presenti.

Oggi però, proprio dalla città nipponica celebre per il famoso protocollo di Kyoto – che prevede l’obbligo per i Paesi firmatari di ridurre le emissioni di elementi inquinanti – potrebbe arrivare la soluzione alla presenza di CO₂ nell’aria. I ricercatori dell’università cittadina, in collaborazione con quella di Tokyo e di quella cinese di Jiangsu, hanno messo a punto una struttura metallo-organica fatta di ioni di zinco e componenti organiche capace di riconoscere in maniera selettiva il biossido di carbonio, catturarlo e renderlo riutilizzabile per la produzione di prodotti chimici. Come, ad esempio, il poliuretano (non proprio verde) che viene spesso impiegato per la produzione di vestiti e di imballaggi.  

Questi ioni – per tornare alla procedura di cattura di CO₂ da parte di questi elementi – sono in grado di imprigionare come una aspirapolvere molecole di anidride carbonica con un’efficienza di almeno dieci volte superiore rispetto a tutti gli altri materiali impiegati nei vari esperimenti per simili operazioni. In aggiunta, il sistema è riutilizzabile – e dopo dieci cicli di reazioni lavora ancora con una discreta efficienza. In questo caso però il materiale-cattura CO₂ è precisamente un polimero di coordinazione poroso, abbreviato Pcp, e possiede una struttura molecolare a forma di elica. Quando le molecole di anidride di carbonio si avvicinano, l’elica inizia a ruotare, facendo da setaccio capace di intrappolare solo la CO₂. E, una volta imprigionato e isolato dall’atmosfera, il carbonio può essere convertito in altri materiali di varia applicazione. Una scoperta importante, di certo non l’unica per smaltire la CO₂, e che potrebbe migliorare le sorti del nostro pianeta. 

Ultime Notizie

Civic Crowdfunding: esperimenti di matching finanziario tra istituzioni locali e società civile

di Gaetano Di Palo e Chiara Caprio La Regione Campania ha di recente avviato quattro azioni pilota di crowdfunding civico...

Prof. Calise: “Con Federica Web Learning costruiamo la nuova cittadinanza digitale”

di Valeria Mucerino e Salvatore Parente Una fabbrica digitale al servizio di studenti, professionisti e Pubblica Amministrazione. Flessibilità, scalabilità e...

Regione Campania: ”Puntiamo ad un cambio radicale nella formazione della PA”

di Valeria Mucerino Garantire e realizzare un piano di alta formazione calibrato sulle nuove esigenze degli Enti Locali. Questa è...

Rigenerazione urbana – A Bari la terza edizione del Festival delle buone pratiche Urbact

Dall’8 al 10 settembre scorso oltre 20 città italiane hanno presentato le migliori esperienze urbane. L’evento, organizzato da Anci,...

Il mercato del lavoro della Campania dopo un anno di Covid

Sergio DESTEFANIS*, Giorgia MARINUZZI, Walter TORTORELLA** Il lavoro riflette esclusivamente le opinioni degli autori senza impegnare la responsabilità delle rispettive...

Potrebbero interessarti
Raccomandati